CBA 2.0 E LA SCHEDA STAI X-2

IL TEST DI VALUTAZIONE DELL’ANSIA


ORIGINI, FINALITA' E COMPOSIZIONE DEL CBA 2.0
Il test C.B.A. 2.0 è nato tra il 1981-82 per iniziativa di un gruppo di psicologi che operavano parallelamente in strutture ospedaliere ed in strutture universitarie.
L’intenzione degli autori era di disporre di un numero sufficientemente ampio di questionari ed inventari, in modo da far fronte alle esigenze più comuni del lavoro psicologico clinico e di ricerca.
In linea con quanto progettato e voluto dagli ideatori, attualmente il CBA è uno strumento di indagine relativo al sistema di risposte soggettive (cognitivo-verbali) e la sigla sta, infatti, per Cognitive Behavioral Assessment, ovvero Valutazione cognitivo-comportamentale.
Esso comprende un numero elevato di scale e questionari, organizzati a più livelli.
Più precisamente, la batteria CBA 2.0 comprende:
  1. Scale primarie che indagano problematiche generali nella vita del soggetto; sulla base di queste informazioni si considera l’opportunità di ulteriori approfondimenti
  2. L’indagine ulteriore delle eventuali problematiche rilevate alle scale primarie si serve delle scale secondarie e terziarie, in modo da suggerire un percorso idoneo di trattamento psicologico

Lo STAI X-2 è una delle scale primarie del CBA 2.0, così come il BDI (descritto tra i tests di valutazione della depressione) è una delle scale secondarie.

FINALITA', DESCRIZIONE E SOMMINISTRAZIONE DELLA SCALA STAI X- 2
Cosa misura la scheda STAI X-2?
Essa permette di rilevare l’ansia di tratto, ovvero quelle caratteristiche individuali, relativamente stabili, per quanto riguarda la predisposizione all’ansia.
In sostanza, l’ansia di tratto indica quella “tendenza a percepire quelle situazioni, obiettivamente non pericolose, come minacciose, rispondendo ad esse con un’ansia sproporzionata rispetto alla gravità del pericolo” (Spielberger, 1970).
Per verificare l’efficacia del test, che misura una caratteristica soggettiva molto importante per valutare la probabilità di sviluppare problemi psicologici, lo State - Trait Anxiety Inventory 2 è stato utilizzato in diverse ricerche e si è rilevata una buona capacità di individuare soggetti con disturbi d’ansia di media e alta gravità e disturbi psicosomatici (Spielberger, 1983).
Esso è utilizzato efficacemente accanto ad altri tests; spesso lo si ritrova accanto al Beck Depressione Inventory per discriminare tra ansia e depressione.
E’ indipendente dalla scolarità dei soggetti e dal livello intellettuale.
Riguardo alla sua somministrazione, al soggetto viene chiesto, nelle istruzioni, di scegliere la risposta che descrive meglio come abitualmente si sente e non come si sente in una situazione specifica o al momento in cui inizia la compilazione del test (per cui è prevista un’altra scheda).
Il test è composto da 20 domande per ciascuna delle quali sono previste 4 possibili risposte,con i relativi punteggi, da “quasi sempre”, con 4 punti, a “quasi mai”, con 1 punto.
Per alcune risposte i punteggi vanno invertiti in quanto le domande si riferiscono all’assenza di ansia.

Scopri quanto è alto il rischio che tu possa sviluppare un disturbo d’ansia… con questo test!